Author Archive

OLIMPIA PIETRANGELA

Classe 1969, laurea in materie letterarie a indirizzo archeologico-artistico, da 29 anni insegna alla scuola dell’infanzia, l’incontro con il BaB e gli albi illustrati hanno cambiato la sua prospettiva. Ha appena concluso la formazione triennale in Arte terapia presso la scuola “La Cittadella” di Assisi, sede di Sassari.

“Scombinata dentro, con gli occhi che brillano ” ancora di piu’ da quando è nonna, conduce da tre anni laboratori per anziani, pazienti oncologiche, bambini meravigliosi.

NICOLETTA MOLINERO

Nicoletta Molinero Nicoletta Molinero lavora con i bambini e ragazzi da molti anni. Legge sempre per sé e per gli altri Ogni tanto pensa sia il momento di scrivere. Ha pubblicato:

  • Zero tre, crescere giorno per giorno – edizioni Capitello
  • Dal principio, manuale informale di accompagnamento alla ripresa – edizioni Mille
  • Fuori dai muri – Milleragazzi, edizioni Mille

Ha curato la nascita e la pubblicazione della collana MILLEragazzi, edizioni Mille. E’ lettrice ad alta voce e promotrice di arte e cultura. Ha aperto e gestito tre scuole materne a nido. Dal 1978 propone progetti a scuole, biblioteche e librerie , per avvicinare bambini e adulti alla passione per la letteratura, l’arte e la musica. Ha una figlia e due figliastrelle, è zia di dieci nipoti e due bisnipoti. È convinta che i libri salvino la vita. Vorrebbe abitare su un’isola.

Contatti:

cellulare:3385249525

email:

nicoletta.moli@yahoo.it

nico.milleragazzi@yahoo.com

 

NADIA TERRANOVA

Nadia Terranova è nata a Messina nel 1978 e vive a Roma. 

I suoi ultimi libri sono: Gli anni al contrario (Einaudi 2015, vincitore di numerosi premi tra cui il Bagutta Opera Prima, il Brancati e l’americano The Bridge Book Award), Addio fantasmi (Einaudi 2018, finalista al Premio Strega 2019), Come una storia d’amore (raccolta di racconti per Giulio Perrone Editore 2020), Non sono mai stata via. Vita in esilio di María Zambrano (rueBallu 2020, illustrazioni di Pia Valentinis). 

Ha scritto molti libri per ragazzi, tra cui: Bruno il bambino che imparò a volare (Orecchio Acerbo 2012), Casca il mondo (Mondadori 2016), Omero è stato qui (Bompiani 2019, illustrazioni di Vanna Vinci, selezionato nella dozzina del Premio Strega Ragazzi) e Aladino (Orecchio Acerbo 2020, illustrazioni di Lorenzo Mattotti), Il segreto (Mondadori, 2021, illustrazioni di Mara Cerri), La frontiera raccontata ai ragazzi (di Alessandro Leogrande, riproposto in una nuova edizione per ragazzi, Feltrinelli 2021) 

È anche autrice con Lelio Bonaccorso del fumetto Caravaggio e la ragazza (Feltrinelli Comics 2021)

È stata tradotta in tutto il mondo.

Da novembre 2020 è la curatrice di K, la rivista letteraria de Linkiesta. 

Collabora con diversi giornali tra cui la Repubblica, Il Foglio. 

Ha una rubrica su Vanity Fair, “Sirene”, in cui racconta storie di donne contemporanee. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NADIA IMPERIO

Nadia Imperio si è laureata nel 1993 in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Sassari con una tesi sul teatro del drammaturgo irlandese Thomas Murphy.
Dal 1995 al 2016 si è formata e ha lavorato continuativamente con il Teatro Stabile di Innovazione per l’Infanzia e la Gioventù La Botte e il Cilindro di Sassari, contribuendo agli allestimenti degli spettacoli come autrice, attrice, cantante, costumista, realizzatrice di maschere e oggetti di scena, nonché come animatrice teatrale nell’ambito di laboratori presso scuole e istituzioni pubbliche e private. Dal 2009 al 2015 ha collaborato stabilmente con la compagnia catalana Teatro de Marionetas Toni Zafra di Barcellona. Alterna l’attività di spettacolo a laboratori di costruzione e animazione di figure presso scuole, biblioteche, centri culturali, festivals e presso il proprio spazio-laboratorio, situato ad Ossi. Lo spettacolo “Camminando sotto il filo” è stato rappresentato in tre continenti e ha ottenuto diversi riconoscimenti internazionali.

www.lapoltronadinora.com

www.google.it (digitando “Nadia Imperio” si ottengono info sullo spazio-laboratorio)

www.facebook.com/NadiaImperioKronicoKab

www.youtube.com/nadiaimperio

www.instagram.com/nadiamperio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MOSES CONCAS

Moses nasce in Sardegna (Italia) ad Iglesias nel 1988, e cresce fin dalla tenera età a Quartu Sant’Elena.

Sin da piccolo inizia con gli spettacoli di teatro e dimostra spiccato interesse per la musica e l’arte. 

Intraprende lo studio del pianoforte a sei anni e viene avviato a seguire la didattica più tradizionale: musica classica, teoria e solfeggio, fino ai primi anni duemila.
Tuttavia il pianoforte non diventa il suo strumento prediletto e lo studio classico viene abbandonato per dare spazio alle sperimentazioni Hip-Hop. 

Inizia dunque ad avvicinarsi al Rap e al Beatbox, scrive i primi testi in rima componendo canzoni originali spinto dal suo amore di esprimersi tramite la musica, lasciando da subito emergere uno stile personale e nuovo che prende sempre più le distanze dall’impostazione classica ricevuta. Dai quindici anni sperimenta nuovi strumenti e nuove scelte stilistiche: suona il didgeridoo e registra le sue prime canzoni ma solo intorno ai 22 anni inizierà a prendere in considerazione l’armonica, la stessa che sua nonna gli regalò quando ancora era solo un bambino. 

Da allora non smette più di sperimentare, comporre, improvvisare con diversi strumenti. Il suo percorso lo spinge naturalmente verso la scelta stilistica dell’armonica beatbox, attraverso una sorta di “pulsione necessaria e fisica di trasformare il respiro in fatto musicale”, una reale trasposizione di ritmo, sound e quotidiana espressione di sè. 

E’ con questo spirito che Moses si ritrova a condividersi, sperimentarsi, mettersi artisticamente a nudo sulla strada. In Sardegna, cominciano le sue prime apparizioni all’ Open Mic di Cagliari, e inizia a suonare nelle serate della città per sperimentare il contatto con il pubblico.
La scelta di abbandonare la sua isola per raggiungere la sua fidanzata già allora residente nel Regno Unito, lo costringe a mettersi seriamente in gioco: lasciando gli studi della Facoltà di Fisica e Tecnologia del Suono. 

A Londra Moses decide che il suo lavoro sarebbe stato la musica ed è qui che comincia la sua carriera di artista di strada.
Dopo aver conquistato i quartieri del West End, Moses inizia a farsi conoscere su palchi di celebri Club come il “The Box” di Soho e il “ROXX”. 

Continuando a realizzare i propri obbiettivi Moses è riuscito a suscitare l’interesse dell’emittente “London Local” che gli dedicò un servizio televisivo nominandolo “uno dei buskers migliori della città”, ha inoltre destato più volte l’attenzione della stampa britannica che ha scritto di lui sul “The Daily Mail” e sul “London’s Evening Standard”. 

Il suo primo lavoro “I Wanna Breathe” (2014) viene auto-prodotto nel suo appartamento, ogni singolo CD viene masterizzato, stampato e prodotto in casa per poi essere venduto per le strade della città ed è tutt’ora un disco rarissimo e quasi introvabile.
Il secondo album a distanza di un anno chiamato “Cannonau”(2015) riscuote grande successo per le strade, che vede Moses migliorarsi come produttore indipendente della sua stessa musica. Nel 2016 pubblica il suo primo EP ufficiale “Cannonau Spirits”, un EP in vendita solo sui Digital Stores che contiene 5 brani e si ispira alla vita di strada: è un viaggio tra il Tango e l’Hip Hop con sonorità che abbracciano anche la musica Reggae e tradizionale. 

Una volta conquistata Londra, Moses inizia a viaggiare per i cosiddetti Busker Festival Europei (festival per artisti di strada) riscuotendo particolare successo al Ferrara Buskers Festival che gli aprirà il sipario nella scena artistica italiana, all’epoca non ancora totalmente esplorata.
Ma è proprio in Italia che Moses si fa conoscere nel modo più virale possibile. 

Coinvolto inizialmente a sua insaputa a partecipare ai provini di Italia’s Got Talent (iscritto da un amico di famiglia), si ritrova a Maggio 2016 vincitore della settima edizione del programma.
Dopo la vittoria e oltre 200 concerti in un anno, Moses torna a Londra per continuare il suo lavoro di artista, e per sviluppare maggiormente le sue doti di improvvisazione e studio dell’armonica beatbox. La musica come colonna sonora alla quotidianità della città che vive, continua ad essere infatti la sua più grande ricerca sperimentale per raggiungere un pubblico sempre più eterogeneo e vasto. 

Grazie alla visibilità avuta in questi anni di duro lavoro Moses ha avuto la possibilità di suonare in tantissime città e paesi del mondo, tra cui Dubai, Las Vegas, Porto Rico, Bulgaria, Croatia, 

Germania, Francia, Indonesia, Cina, Egitto, ed è sempre attivo in Italia dove partecipa a numerosi festival e concerti.
Nel 2017 Moses e la sua armonica sono arrivati anche al cinema, nel film “Moglie e Marito” regia di Simone Godano, con Pierfrancesco Favino e Katia Smutniak; e in altro grande successo chiamato “Il Permesso” di Claudio Amendola. 

Oggi Moses ha coronato uno dei suoi grandi sogni e creato la Moses Productions London (2016), la sua personale etichetta discografica e compagnia di intrattenimento artistico e insieme ai suoi collaboratori continua a portare la musica in giro per il mondo.
Tra Natural Moses (2016) e Radio San Juan” uscito il 1 Giugno 2017 in collaborazione con le cantanti Veronica Haro Diaz e Silvia Piras, l’etichetta ha preso subito quota. Tutti i video sono stati interamente realizzati e prodotti dalla Moses Productions, con la firma su oltre 40 milioni di views su Youtube e 100 Milioni di views su Facebook in 7 anni. 

Nel Dicembre 2017 esce Strays, “Randagi” il primo suo album, interamente da solista, incentrato come agli esordi nella street art. Un mix strumentale tra musica street ed elettronica,
un viaggio tra diverse culture che si incontrano in grandi città come Londra o Barcellona. 

Con il 2018 arriva la volta di un altro grande progetto artistico chiamato “Human Revolution” che dopo anni, in unione con Silvia Piras, Bujumannu (from Train to roots) e Sista Namely esplode in tantissime radio e soprattutto nel web tra Youtube e Facebook ed Instagram con 8 milioni di visualizzazioni, per poi realizzare un secondo singolo chiamato “Pensavo a te” sei mesi dopo.
Da questo Moses trova il coraggio di far sentire per la prima volta la sua voce su un palco, in una versione cantata di Strays, e da lì inizia una serie a seguire di singoli “Everything” nel Gennaio 2020, per poi in realizzare “Moonshines” con il famosissimo armonicista dei “War” Lee Oskar, per siglare ulteriori 2 milioni di ascolti in pochi mesi. 

Successivamente con l’avvento della pandemia Moses continua ad investire tutto il suo tempo nella produzione di musica ed arrivano “Everyday” “Quarantango” “Andrà tutto bene” “Travel of a Vaccine” “Libero” “Non si spinge il sole per farlo tramontare” e “America e Sardigna.
“La voglia di rivoluzionare il mondo, mi ha portato a rivoluzionare me stesso”. 

Per Moses la musica è lo strumento perfetto per divulgare un messaggio di felicità e speranza, il messaggio che tutti possono realizzare i propri sogni semplicemente credendo fortemente in se stessi.
“Ricercare la felicità dentro se stessi per inseguire con gratitudine i propri obbiettivi”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MONICA BARENGO

Nasce a Torino nel 1990, è una bambina introversa, che passa le sue giornate da sola a disegnare, ed è proprio così che scopre che i disegni possono parlare molto più delle parole. Finito il liceo artistico, vince la borsa di studio per frequentare il corso triennale di illustrazione allo Ied di Torino, dove poi conoscerà Davide Calì, con cui pubblicherà il suo primo albo illustrato “Polline” uscito nel 2012 con la casa editrice di Padova Kite edizioni, da allora lavora come illustratrice di albi per bambini, magazine e svolge attività di laboratorio con adulti e bambini.
I suoi libri sono stati pubblicati in diversi paesi, principalmente, Italia, Francia, Spagna e Taiwan e collabora da anni con la rivista Australiana Womankind e di recente con il settimanale italiano F per la rubrica Anticorpi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARIO BOCCIA

Mario Boccia è un fotografo e giornalista specializzato in reportage sociali e di attualità internazionale. Ha pubblicato articoli e foto su testate italiane ed europee. E’ stato corrispondente de “il Manifesto” nelle guerre ex-Jugoslave (1991-2001). Attualmente cura la rubrica “Volontariati” sul mensile “il Messaggero di S.Antonio”. Dal 1989 al 2005 ha lavorato in in Europa, Africa, America Latina, Medio Oriente. Non ama essere definito “fotoreporter di guerra”. Preferisce “fotografo di lamponi” perché dalla sua fondazione (2003) segue la cooperativa agricola “Insieme” di Bratunac (Bosnia) che produce confetture e succhi di piccoli frutti, nella zona di Srebrenica, un esempio di riconciliazione post-bellica che ritiene meritevole del Nobel per la Pace. Sue foto sono state utilizzate per promuovere campagne solidali di organizzazioni non governative, cooperazione italiana e agenzie delle Nazioni Unite. UNHCR, OXFAM-Italia, AMREF, LEGAMBIENTE, Consorzio Italiano di Solidarietà (ICS) e molti altri. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MARA CERRI

illustratrice e autrice di cinema d’animazione.

I suoi lavori sono pubblicati dalle case editrici Einaudi, Orecchio Acerbo, Else edizioni, Mondadori, Coconino. Ha collaborato con gli scrittori Andrea Bajani, Paolo Cognetti, Elena Ferrante, Nadia Terranova e la drammaturga Chiara Lagani . Ha realizzato l’illustrazione del manifesto del film “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher. E’ coautrice con Magda Guidi di due cortometraggi animati : “Via Curiel 8” (primo premio corto Italia,  Torino Film Festival 2011 ) e “Sogni al campo” ( selezione alla sezione Orizzonti della Biennale Cinema di Venezia 2020.). Ha realizzato le animazioni per il documentario “Ferrante Fever” di Giacomo Durzi e disegnato il manifesto del Salone del libro di Torino 2020.

Instagram:  maracerri_mc

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LUCA USAI

Nato a Guspini, (CA) nel 1977, vive e lavora a Milano. Nel 2006 viene selezionato per un corso di Fumetto all’Accademia Disney. Per Gaghi Editrice, disegna per Prezzemolo e crea Super Pro e Marcello&Sofia sui testi di Daniele Mocci; per la RedWhale realizza le illustrazioni delle serie Gatti Pirati e i Grandi Classici di Geronimo Stilton. Dal 2007 collabora con Disney Italia per Toy Story Magazine e graphic novel tratte dai film Pixar; Dal 2008 al 2015 per Gbaby per San Paolo Edizioni disegna la serie “Bruno il Maialino” sui testi di F. Lo Bianco. Nel 2011 realizza due volumi a fumetti su “NORMALMAN”  scritti da Lillo (del duo comico Lillo&Greg).

Dal 2012 al 2016 realizza per Piemme la serie di libri per ragazzi “I Supertopi” con Geronimo Stilton. Nel 2016 realizza i due albi “Jorge Sanchez & Dragon LI” scritti da D. Barzi per IT Comics. Dal 2007 collabora col settimanale TOPOLINO per il quale realizza storie, redazionali, copertine e progetti di gadget. Dal 2016 realizza per Disney i fumetti della serie DuckTales, editi da IDW (USA). Dal 2019 insegna al corso di Prospettiva del 1° anno della Scuola Internazionale di Comics di Milano.

Nel 2021 illustra il libro “Coda di Castoro” su testi di D. Mocci per Mondadori ragazzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LUCA SERIANNI

Luca Serianni è professore emerito di Storia della lingua italiana presso l’Università di Roma La Sapienza, laureato h.c. delle Università di Valladolid e Atene e socio nazionale dell’Accademia dei Lincei, della Crusca e dell’Accademia delle Scienze di Torino. Si è occupato di vari temi di storia linguistica italiana, dalle Origini ad oggi e di didattica. dell’italiano. Ultimo libro pubblicato. Il verso giusto. 100 poesie italiane, Laterza 2020.